Omaggio ad Orff

Omaggio ad Orff

from 28 March to 30 June 2012

Omaggio ad Orff è il titolo della seconda edizione del progetto Gli Omaggi, l’evento artistico-didattico che Studium Canticum programma a cadenza biennale.

Gli Omaggi, che hanno come obiettivo generale la diffusione della musica vocale senza distinzioni di genere, dopo aver attinto, nel 2009, al repertorio barocco con i Coronations Anthems di Haendel, si rivolgono in questa edizione al repertorio novecentesco.

La necessità di dare alla musica cosiddetta classica, oltre alle sue patenti di nobiltà, altresì una prospettiva vitale, quella della contemporaneità, motiva questa scelta che intende, anche mediante una serie di eventi collaterali a carattere divulgativo, porre l’attenzione sulla musica cronologicamente più vicina a noi, utilizzando come leva una delle opere più conosciute e amate del XX secolo: i Carmina Burana di Carl Orff.

Gli Omaggi, come caratteristico della prassi operativa di Studium Canticum, intendono coniugare le finalità artistiche e quelle di diffusione ed ampliamento del pubblico tramite iniziative didattiche e divulgative (mirate soprattutto ai giovani e alle scuole), con il coinvolgimento diretto dei partecipanti. Da questo punto di vista, la scelta di Carl Orff (per l’importanza del compositore nella storia della didattica della musica) e dei suoi Carmina Burana (per i numerosi suggerimenti testuali, per la scrittura orchestrale, per la presenza di ‘numeri’ destinati a diversi organici vocali), suggeriscono molti spunti per la sperimentazione didattica.

Inoltre, la fortuna dei Carmina Burana nella musica non colta, nel cinema, nella danza, offre altrettanti spunti di riflessione.

Tre i filoni che si intrecceranno in Omaggio ad Orff: i concerti, i laboratori, una sezione intitolata 'Tutti per Orff'.

Omaggio ad Orff è realizzato grazie al sostegno della Regione Sardegna e alla collaborazione con: Comune di Cagliari, Comune di Tempio Pausania, Conservatorio di Musica “G.P. Da Palestrina”, Fiera Internazionale della Sardegna, Monumenti Aperti, Cattedrale di Cagliari, Fondazione Giuseppe Siotto, Chiesa di San Michele, Modular, Studium Canticum, Coro Euridice, Amici di Viviana.

Commenti

Classe di Percussioni del Conservatorio di Cagliari

Classe di Percussioni del Conservatorio di Cagliari

La classe di Strumenti a Percussione del Conservatorio di Cagliari è stata istituita nel 1968 sotto la guida del M° Giovanni Corrias, che ha fondato la scuola di percussioni classiche in Sardegna e che ha curato la formazione di diverse generazioni di allievi. In seguito si sono alternati alla guida della classe diversi percussionisti, provenienti da luoghi e scuole differenti, che hanno tutti dato il loro contributo pedagogico e musicale: la prof.ssa Cinzia Honnorat, il prof. Alberto Bosio, il prof. Pierpaolo Strinna. Dal 2001 il docente della classe di percussioni è Roberto Pellegrini, e nel 2007 è stata istituita la seconda classe di percussioni sotto la guida del prof. Francesco Ciminiello. A partire dal 2004 il Conservatorio di Cagliari ha avviato i corsi sperimentali universitari: i trienni di 1° livello e i bienni di specializzazione di 2° livello. Soprattutto in relazione all’avvio di questi nuovi corsi, la scuola di percussioni del Conservatorio di Cagliari sta sviluppando nuove attività di studio finalizzate alla realizzazione di master-class e di produzioni musicali incentrate sul repertorio solistico e cameristico contemporaneo: le master class e i concerti con Gaston Silvestre (marzo 2003) – le master-class e i concerti con David Cossin (agosto 2005 – settembre 2007) – il seminario di zarb di François Bedel (ottobre 2005) – la master class di Steven Schick (ottobre 2006) – le master-class di Françoise Rivalland (dicembre 2007 – settembre 2009) – la master-class di Thomas Ondrusek (aprile 2010). Tutte queste attività seminariali sono sfociate in importanti produzioni e prime esecuzioni in Sardegna tra cui segnaliamo Drumming e Sextet di Steve Reich, Persephassa di Jannis Xenakis, Orazi e Curiazi di Giorgio Battistelli.

Corale Claudio Monteverdi (Clès)

Corale Claudio Monteverdi (Clès)

La corale “ Claudio Monteverdi ” della Valle di Non, fondata nel 1980 da don Luigi Francescotti, è costituita da una trentina di coristi provenienti da vari paesi della Valle. Il repertorio della Corale spazia dal canto gregoriano e polifonico, alla musica romantica e contemporanea con particolare attenzione alla polifonia sacra. Ha tenuto concerti in Germania (Weimar, Weingarten, Neumarkt, Obersulm, Sülzbach, Heidelberg), in Svizzera (Locarno), in Austria (Salisburgo). Nel 1996 a Roma, ha ottenuto la medaglia d' oro ed il primo premio nella categoria di alto grado di difficoltà per cori misti al III concorso "Orlando di Lasso" e nel 2002, a Camerino, il più alto punteggio nella medaglia di argento alla nona edizione del medesimo concorso. Nel Settembre 2005 ha cambiato guida musicale dopo che il direttore, nonchè fondatore, don Luigi Francescotti si è ritirato a vita privata ed è stato quindi sostituito dall' attuale direttrice Caterina Centofante. Diverse le collaborazioni con altre realtà corali tra cui il Coro da Camera Eclectica di Bologna, con il quale ha tenuto una serie di concerti in Germania eseguendo la Messa D 167 in Sol maggiore di F. Schubert. Ha organizzato il Progetto "Settimana Corale 2008" che ha ospitato una Masterclass per direttori di coro tenuta dal Maestro Gary Graden. Nel 2009 ha organizzato insieme alla Scuola Musicale Celestino Eccher di Cles la seconda edizione della Settimana Corale, che ha visto come prestigiosi ospiti la Maestra Naomi Faran, il Maestro Pierpaolo Scattolin, il Maestro Nicola Conci, con i quali si è tenuto uno Workshop per Direttori di Coro ed il Maestro Davide Lorenzato. Attualmente svolge attività concertistica.

Ensemble Vocale Ricercare

Ensemble Vocale Ricercare

Costituitosi nel corso del 2003 all'interno della classe di musica d'insieme di Riccardo Leone presso il Conservatorio “G.P. da Palestrina” da Cagliari, è formato da giovani cantanti che hanno al loro attivo numerose esperienze concertistiche. Ha partecipato: nel 2003 a "Cagliari ritrovata" (eseguendo la Kaffeekantate BWV 211 di J.S.Bach); nel 2004 alle rassegne "Echi lontani" e "Concordia Vocis". Nello stesso anno ha inciso "Il Combattimento di Tancredi e Clorinda" di Claudio Monteverdi, CD prodotto dal Conservatorio “G. P. da Palestrina” di Cagliari; nel 2005 ai progetti In honorem Beatae Virginis e She never told her love del Conservatorio “G.P. da Palestrina di Cagliari. Nel 2006 tra le attività del Dipartimento di Strumenti Antichi del Conservatorio, ha eseguito la Cantata BWV 4 Christ Lag in Todes Banden di Johann Sebastian Bach presso la chiesa del SS. Sepolcro e durante il culto della Domenica dopo Pasqua, presso la Chiesa Evangelica. Nel 2007 ha partecipato alla rassegna “Echi Lontani” con un programma su Claudio Monteverdi e Dietrich Buxtehude in occasione dei 300 anni della scomparsa. Ha partecipato al Festival Spaziomusica di Cagliari, eseguendo in prima assoluta brani di Gilberto Bosco (Pagine, su brani tratti da La vedova scalza di Salvatore Niffoi), Lucio Garau (Can(z)oni su testi di Benvenuto Lobina), Osvaldo Coluccino e Stefano Taglietti. Nel 2010 ha partecipato a: "Dark Project" (brani col live electronics), eseguendo brani di Oppo, Scelsi e Pusceddu; "Il respiro dell'Arte" Osilo; "Festival Spaziomusica" (Lux aeterna di Ligeti e Tetrafonie di Oppo); "Voci nella Città", Sassari; "Animanera" Nuoro e Sedilo. Ha registrato "Tetrafonie" di F. Oppo, "Jauchzet dem Herrn alle Welt" di F. Mendelssohn Bartholdy e "Stele di Sicilo" di F. La Licata. Ha preso parte alle rassegne di "Musica Viva" e del "Collegium Karalitanum". E’ diretto da Riccardo Leone.

Modular Quartet

Modular Quartet

Nato nel 2005 intorno alle attività di studio e di ricerca della Classi di Percussioni del Conservatorio di Cagliari, Modular è un insieme mutante di musicisti che ha trovato e continua a cercare la propria cifra sonora attraverso la percussione. Il suono percussivo è qui inteso non come ambito settoriale ed esclusivo ma, al contrario, come momento inclusivo che permetta di focalizzare l’attenzione su alcuni momenti notevoli del pensiero musicale contemporaneo. Importanti produzioni dell'ensemble sono: “Drumming” di Steve Reich, “Persephassa” di Iannis Xenakis (“Incontri Musicali” 2009). All’interno di questa organizzazione “modulare” di organici variabili, nasce il Modular Quartet (Marco Caredda, Francesco Ciminiello, Roberto Migoni, Roberto Pellegrini), con l'intento di esplorare il suono percussivo a partire da modalità operative differenti ma interconnesse, come ad esempio lo studio delle nuove musiche che prevede sia l'interpretazione di “classici” della musica contemporanea (“Workers Union” di Louis Andriessen, “Third Construction” di John Cage), sia di nuove composizioni in prima esecuzione (“Imagines Vocis” (2009) di Francesco Marceddu, “Sonazzos” (2009) di Alessandro Milia). A partire dal 2009 inizia la fruttuosa collaborazione del Modular Quartet con i musicisti, i compositori e gli artisti delle nuove tecnologie audio-visive che ruotano attorno ai progetti multimediali ideati e diretti da Fabrizio Casti che è anche l'autore principale delle musiche: “Harmonices Mundi” (2009), “Mechanic World” (2010)

Società Corale Euridice

Società Corale Euridice

http://www.coroeuridice.it

La Società Corale Euridice è la più antica istituzione corale di Bologna. Nacque come coro orfeonico intorno al 1880 e si è trasformato nella prima metà del Novecento in coro polifonico.

Dal 1976 il coro è diretto da Pier Paolo Scattolin. Ha tenuto concerti in Italia e all'estero per importanti associazioni musicali in stagioni di musica da camera, festival internazionali e in programmazioni di Enti teatrali e Università; ha realizzato incisioni riguardanti la parte più significativa del proprio repertorio; si segnalano inoltre alcune "prime" esecuzioni in epoca moderna di musica rinascimentale ottocentesca e contemporanea.

Presso il coro Euridice è istituito un corso per direttori di coro per conto dell'Assessorato alla formazione professionale della Regione in collaborazione con l'A.E.R.C.O. (Associazione Emiliano Romagnola Cori) di cui fa parte dal 1978.

Valentina Marghinotti

Valentina Marghinotti

Nata a Cagliari nel 1984, dopo la laurea in Lettere classiche si dedica allo studio della Musica (comincia all’età di 23 anni); è attualmente iscritta al 5° anno del corso tradizionale di Canto lirico presso il Conservatorio di Musica “G.P. da Palestrina” di Cagliari, sotto la guida di Elisabetta Scano. Ha approfondito il repertorio liederistico con i docenti Paola Tedde e Riccardo Leone, e tecnica vocale con Antonio Juvarra. Nel 2010 oltre all’attività svolta con le classi di Esercitazioni corali (dir. Giuseppe Erdas e Pompeo Vernile) ha preso parte come solista alla manifestazione Chopin e Schumann: due pilastri della musica romantica, organizzata dallo stesso Conservatorio. Oltre ad esibirsi come solista nell’ambito di manifestazioni cittadine (Monumenti aperti), ha collaborato attivamente come corista in diversi gruppi ed ensemble vocali tra cui: il Gruppo vocale Laeti Cantores (dir. Mario Fulgoni), l’Ensemble Ricercare (dir. Riccardo Leone), la Corale 'Città di Sinnai' (dir. Nicola Manca), partecipando ad importanti Festivals e Rassegne nazionali ed internazionali (Ars canendi, Spaziomusica Cagliari/Sassari e Animanera Mediterranea - Nuoro); Nel 2011 si è classificata al 1° posto nell’ambito della “Quarta audizione per giovani cantanti della Regione Sardegna” organizzata dall’Ente Concerti “Marialisa de Carolis” di Sassari. Ha frequentato i corsi dell'Accademia d'Arte Drammatica di Cagliari; attualmente studia recitazione presso la compagnia Cajka diretta da Francesco Origo.

Caterina Centofante

Caterina Centofante

Diplomata in pianoforte, composizione e direzione d’orchestra presso i conservatori di Trento (prof. M. M. Giese) e di Milano (m° A. Solbiati, m° D. Agiman), si è perfezionata in direzione d’orchestra presso l’Accademia Chigiana di Siena (m° L. Zagrosek) ottenendo il diploma di merito e borsa di studio, I pomeriggi Musicali di Milano (m° A. Ceccato), Musicarivafestival (m° I. Karabtchevsky), Florence Synfonietta (m° Bellugi). Nel 2010 ha ricevuto una segnalazione di merito dal m° L. Shambadal, direttore principale dei Berliner Symphoniker nella masterclass di alto perfezionamento sul repertorio beethoveniano. Successivamente al diploma conseguito in Italia, ha frequentato presso la Musikhochschule Stuttgart la classe di direzione d’orchestra del m° P. Borin. Presso la stessa prestigiosa Università ha ricoperto il ruolo di docente di direzione d’orchestra per classi di Schulmusik e Kirchenmusik dal 2005 al 2008 e attualmente è direttore dell’echtzeit Ensemble, gruppo del dipartimento di composizione (m° M. Stroppa e m° C. J. Walter). Ha debuttato come direttore d’orchestra nel 2002 con I Pomeriggi Musicali di Milano e successivamente ha tenuto concerti alla guida degli Stuttgarter Philharmoniker, l’Orchestra Regionale della Toscana, l’Orchestra Sinfonica di Matera, l’Accademia del Maggio Fiorentino, la Junge Philharmonie Salzburg, l’Orchestra Filarmonia Veneta, la Florence Symphonietta, e diverse altre formazioni. Dal 2006 è direttore principale dell’Orchestra da camera di Esslingen. Da diversi anni dedica una particolare attenzione anche al repertorio corale, sia a cappella, che con orchestra. È stata assistente del m° G. Graden e del m° W. Nussbaum. È direttore artistico e musicale della corale polifonica Claudio Monteverdi di Cles e del Festival internazionale Settimana Corale.

Nicola Ebau

Nicola Ebau

Baritono cagliaritano, si è formato inizialmente come attore di prosa con il regista Marco Gagliardo, e dal 1998 al 2002 ha recitato in Sardegna in numerosi spettacoli teatrali. Ha studiato canto lirico con Elisabetta Scano presso il Conservatorio Musicale di Cagliari Giovanni Pierluigi da Palestrina, e si è perfezionato in seguito con Michela Sburlati. Ha frequentato l’Accademia Harmonica di Francesco Esposito. Debutta nel 2004 con il ruolo di Stephan in Hans Heiling di H.Marschner al Teatro Lirico di Cagliari diretto da Renato Palumbo con la regia di Pier Luigi Pizzi, teatro nel quale interpreta poi diversi ruoli tra i quali: Leporello nel Don Giovanni di Mozart con la regia di Giorgio Strehler (ripresa da Marina Bianchi) e la direzione di Gerard Korsten; Le Comte in Cherubin di J.Massenet diretto da Emmanuel Villaume con la regia di Paul Curran; e altri ruoli minori con direttori quali Rafael Fruhbeck de Burgos, Cristian Mandeal, Arthur Fagen, Paolo Arrivabeni, e registi come Luca Ronconi, Graham Vick, Joseph Franconi Lee. Diverse le collaborazioni con teatri nazionali e internazionali . Ha intrapreso una tournée concertistica con l’OIDI (Orchestra Internazionale d’Italia) in diversi auditorium della Cina e della Tailandia diretto da Antonio Cipriani e Bundit Ungrangsee.

Franco Fabbri

Franco Fabbri

Professore aggregato di Popular music e di Storia della musica contemporanea all’Università di Torino (Scienze della Formazione, Dams). Docente di Elementi di economia dei beni musicali all’Università di Milano (Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, corso di Informatica Musicale). Docente di Storia della popular music e di Storia delle forme e dei repertori musicali al Conservatorio di Parma. Condirettore della collana Routledge Studies in World Popular Music, membro delle redazioni delle riviste Musica/Realtà (LIM), Popular Music (Cambridge University Press), Radical Musicology. Curatore di uno Special Issue della rivista Journal of Mediterranean Studies (Università di Malta). Membro del comitato scientifico della collana Le Sfere (Ricordi/LIM). È stato tra i fondatori della International Association for the Study of Popular Music e ne è stato Chairman per due mandati biennali. È membro del gruppo di ricerca Sound in media culture finanziato dalla DFG – Deutsche Forschungsgemeinschaft. Fra i libri recenti: Around the clock. Una breve storia della popular music, Utet, Torino, 2008; Il suono in cui viviamo, il Saggiatore, Milano, 2008 (terza edizione); Album bianco. Diari musicali 1965-2011, il Saggiatore, Milano, 2011 (terza edizione). Curatore e prefatore del volume di Philip Tagg, La tonalità di tutti i giorni, il Saggiatore, Milano, 2011.

Angelo Foletto

Angelo Foletto

Laureato in lettere moderne all'Università degli studi di Milano con una tesi su Giuseppe Verdi, ha iniziato a scrivere su Discoteca Hi-Fi, Musica e Musica viva, dopo aver lavorato all'archivio musicale dell'Angelicum, del Teatro alla Scala, della Casa Musicale Sonzogno. Dal 1981 al 2006 ha insegnato Storia della musica al Conservatorio di Verona, Piacenza e Milano. Giornalista professionista dal 1991, collaboratore e critico musicale di La Repubblica dal 1978, ha partecipato all'ideazione delle collane di musica classica del Gruppo l'Espresso e firmato numerosi testi di accompagnamento alle relative pubblicazione audio-video. Vicedirettore per dieci anni di Musica Viva, scrive dalla fondazione su Suonare News, e collabora a Classic Voice, Amadeus, il Giornale della musica, altre riviste specializzate, e il quotidiano l'Adige. Autore di programmi di sala, tiene conferenze e seminari, firma voci musicali per enciclopedie, collabora con Rai3, RaiSat, Classica+, Radiotre, Mediaset, Radiotelevisione della Svizzera Italiana, Radiopopolare e la Compagnia di Glauco Mauri. Collaboratore del Coro della SAT di Trento, sia come componente della commissione artistica della Fondazione Coro della SAT, sia come autore di pubblicazioni sul canto popolare e di introduzioni critiche ai Canzonieri di recente pubblicazione. Dal 1998 al 2004 ha realizzato le presentazioni dei programmi della Filarmonica della Scala per “Domenica in concerto” (Rete 4) e altri speciali per Mediaset. Nel 1999 ha ideato per gli Amici della Scala, “Prima delle prime”, presentazione-dibattito delle opere scaligere. Dal 2004 realizza con Roberto Furcht la stagione di concerti “Kawai a Ledro” (Ledro-Trento).

Ghislaine Morgan

Ghislaine Morgan

E' attiva come cantante e insegnante di canto oltre che lavorare come membro di giuria in numerosi Concorsi e Festival.Ha iniziato con lo studio del pianoforte e del violino per poi passare allo studio del canto, ad Oxford. Si è esibita in molti Paesi d’Europa, in India, Giappone e Stati Uniti ed ha registrato per Arte Nova, Decca, EMI, Gimell, Naxos, Richmond, Regent. Ha cantato per 17 anni nel coro della Chiesa di St. Bride, distinguendosi nel Laudate Dominum di Mozart, che ha ricevuto una menzione speciale nella Gramophone. Ha lavorato regolarmente con gruppi come The Tallis Scholars, The Monteverdi Choir, The Sixteen, King’s Consort, The Richard Hickox Singers e con il Coro all’Opera Festival di Aix-en Provence, all’Opera Festival di Bath, e di Lyon per poi intraprendere la sua carriera individuale che comprende un’ampia varietà di stili musicali. I suoi impegni di lavoro l’hanno portata in Sud Africa per cantare la Sinfonia della “Resurrezione” di Mahler e il “Das Knaben Wunderhorn”; ha recitato il ruolo principale nel “Deborah” di Haendel per la Radio Tedesca; ha tenuto concerti per il Festival Internazionale della Mathieson Music School di Calcutta, per il Festival di Musica vocale di Tel Aviv, il Festival di Musica Barocca di Slig, fra gli altri. Il suo repertorio va dai Vespri di Monteverdi al Dies Natalis di Finzi, dalla Messa in Do minore di Mozart ai Chants d’Auvergne du Canteloube. Per molti anni ha svolto l’attività di insegnamento in varie scuole, per arrivare poi al Royal College of Music, dove ha ricevuto un prestigioso riconoscimento, la “Sacher Scholarship”. La sua passione per l’insegnamento la porta ad incoraggiare gli altri ad essere espressivi con naturalezza in modo da demistificare la tecnica vocale così che possa essere, allo stesso tempo, divertente e semplice da imparare. Si interessa soprattutto della Polifonia Rinascimentale, per la quale nutre una grande passione. Svolge il suo insegnamento all’Università di Cambridge e al Dulwich College, dove prepara i cantanti per i teatri dell’Opera nazionale. Ha diretto laboratori vocali in Gran Bretagna, Portogallo, Olanda, Islanda, Italia e Spagna; è membro attivo della British Voice Association e nello staff degli insegnanti del National Youth Choir della Gran Bretagna, è stata docente della Scuola Estiva dei Tallis Scholars e attualmente del Corso Internazionale Corale di Rimini. Ghislaine è co-fondatrice del Corso Internazionale di Canto e Direzione di Coro di Sintra, in Portogallo.

Ciro Paduano

Ciro Paduano

Dopo gli studi conservatoriali (chitarra classica) e universitari (DAMS di Bologna) si è dedicato alla didattica musicale formandosi attraverso corsi internazionali sulle metodologie dell’educazione musicale esistenti in Europa e negli Stati Uniti (Kodaly, Dalcroze, Orff, Gordon). Da venticinque anni si occupa di Educazione Musicale per la Scuola Dell’Infanzia e Scuola Primaria lavorando presso Scuole Pubbliche e Strutture private (Scuola popolare di Musica Donna Olimpia in Roma nella quale ne è anche direttore didattico per le attività musicali per bambini dai 4 ai 13 anni). Da dodici anni è docente nei corsi nazionali per la metodologia Orff-Schulwerk. E’ docente per aggiornamenti per la Scuola dell’Infanzia per l’XI Dipartimento del Comune di Roma. E’ docente nei corsi Orff del dipartimento di Mikkeli e Orivesi (Finlandia), Daegu (Korea), Nagoya (Giappone), Melbourne (Australia), Tallinn (Estonia). E’ docente nel corso triennale di musicoterapia press A.M.A.T. (Rg) E’ socio fondatore dell’OSI (Orff-Schulwerk Italiano). Ha pubblicato su “La Vita Scolastica”,Giunti editore, più di 150 articoli sull’Educazione al suono e alla musica. Ha pubblicato tre volumi didattici : “Altro che Musica” e “Animali” (brani e attività per bambini della Scuola dell’Infanzia e Scuola Primaria) edizioni MKT Brescia e “Musica dal corpo” (percorsi didattici con la Body percussion) Edizioni Rugginenti. E’ fondatore del gruppo spettacolo “BodySband, che produce spettacoli e lezioni concerto di body percussion e musica con gli oggetti.

Giuseppe Satta

Giuseppe Satta

Appassionato cultore della musica corale, ha affrontato repertori tra i più vari nelle produzioni con il coro Studium Canticum, con il quale canta da un decennio. Da solista si è esibito in diverse formazioni, eleggendo il repertorio barocco come suo ambito prediletto (Responsori di G.A. Perti, Magnificat di F. Durante, Magnificat di A. Scarlatti).

Pier Paolo Scattolin

Pier Paolo Scattolin

Nato a Bologna nel 1949, svolge attività come direttore d'orchestra, di coro e compositore. Ha compiuto gli studi musicali con Manzoni, Clementi, Grandi e Franchini per la composizione, con Ferrara, Bellini e Gelmetti per la direzione d’orchestra, Gotti per la musica corale; è inoltre laureato in lettere classiche presso l’Università di Bologna. Direttore del Conservatorio di Mantova dal 1986 al 1997, è insegnante di Composizione e direzione di coro presso il Conservatorio di Musica di Bologna. Dal 1976 è direttore artistico della Società Corale Euridice di Bologna, con la quale svolge intensa attività concertistica a cappella e sinfonico-corale in Italia e in Europa. Nel 2000 ha partecipato alla tournée europea di “Voices of Europe”. Dal 1998 al 2001 è stato responsabile artistico del Coro “Gaudeamus” del Liceo classico Minghetti di Bologna. È direttore artistico del Festival Corale Internazionale “Città di Bologna”; fa parte della commissione artistica del concorso per direttori di coro “M. Ventre” di Bologna; ha presieduto alcune edizioni del concorso di composizione “Seghizzi” di Gorizia e dell’Aerco; è stato membro della commissione artistica della Feniarco e consulente di Europa Cantat. Svolge regolarmente attività didattica in importanti accademie europee e stages per la Feniarco e le associazioni corali regionali, sia per direttori sia per gruppi vocali-strumentali con oggetto, fra l’altro, la musica del Novecento e contemporanea, il teatro musicale da camera e la musica rinascimentale-barocca. È autore di numerose composizioni orchestrali, cameristiche (strumentali e vocali) e corali, di edizioni critiche e scritti sulla musica medievale. Nel 2003 ha ottenuto due primi premi in importanti concorsi di composizione internazionali e nazionali.

Michele Spiga

Michele Spiga

Nato a Cagliari nel 1973, ha iniziato la sua formazione artistica sotto la guida del maestro Orio Buccellato, diplomandosi con il massimo dei voti, la lode e la menzione presso il Conservatorio di Musica "Pierluigi da Palestrina " di Cagliari. Si è perfezionato alla Scuola di Musica di Fiesole con Maria Tipo e successivamente ha frequentato la Scuola Superiore di Musica a Zurigo nella classe di Homero Francesch. Fin da giovanissimo Michele Spiga è considerato dalla critica "giovane pianista dal talento eccezionale", a 13 anni ha suonato da solista nella National Concert Hall di Dublino con l’orchestra della RTE (Radio Televisione Irlandese) in un pubblico concerto trasmesso in eurovisione. Ospite di importanti festival e istituzioni internazionali quali“Teatro Lirico di Cagliari”eseguendo il concerto n°3 di S.Prokofiev diretto dal M° Franco Caracciolo, “ Funter Viersener Klavier Sommer” in Germania, “Teatro Romano di Fiesole”Firenze, “Estate musicale Internazionale di Alghero”,”Casa de Cultura” Girona (Spagna), “Villa Boveri” di Zurigo, “Grosser saal “del Conservatorio Zurigo dove ha eseguito il primo concerto di F. Chopin con la “Zurcher Kammer Orchester”. Ha vinto numerosi premi in concorsi nazionali e internazionali: “Arcangelo Speranza” di Taranto, “Bremer Klavier Wettwewerb” in Germania, Concorso Internazionale di musica da camera “Città di Pavia”. E’ docente di Pianoforte principale presso il Conservatorio di Musica di Cagliari.

Angela Tangianu

Angela Tangianu

Votata alla trasmissione del sapere, ha laureato schiere di ottimi pianisti incoraggiandoli ad una visione della musica di ampio respiro. Come esecutore si è dedicata, con la consueta accuratezza, a suonare principalmente musica da camera, in varie formazioni. La musica del Novecento è una sua grande passione.